Piattaforma e-learning

Corsi on-line

lezioni in video-conferenza

Esperto consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.)

 

Esperto consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.)

 

(corso qualificato dall'Organismo di certificazione CertyLink ai sensi della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012)

 

Il corso, composto da diversi moduli, suddivisi in lezioni, ed è disponibile in modalità FAD.

 

Superati i test intermedi ed un test finale verrà rilasciato da Accademia Eraclitea un ATTESTATO DI PROFITTO di "Esperto consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.)".

 

Il corso di formazione ed il conseguimento dell'attestato citato consentirà agli interessati di poter sostenere un esame on line con l'Organismo di certificazione CertyLink, ai sensi della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012, per l'ottenimento della certificazione qualificante di "Esperto consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.)", del tesserino ed inoltre il Vostro nominativo verrà inserito nel registro dei Professionisti Certificati.

 

OBIETTIVI DEL CORSO:

Prepara il corsista a svolgere l’attività di consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.).

 

LA FIGURA PROFESSIONALE:

Trattasi di persona in possesso di conoscenze, capacità e competenze necessarie per svolgere l’attività di Consulente Tecnico (CTU) così come definito dall’art.  61 del Codice di Procedura Civile,  “Quando è necessario, il giudice può farsi assistere, per il compimento di singoli atti o per tutto il processo, da uno o più consulenti di particolare competenza tecnica.

 

La scelta dei consulenti tecnici deve essere normalmente fatta tra le persone iscritte in albi speciali formati a norma delle disposizioni di attuazione al presente codice in grado di svolgere l’attività di consulente così come definito dall’art. 62 del Codice di Procedura Civile, “Il consulente compie le indagini che gli sono commesse dal giudice e fornisce, in udienza e in camera di consiglio, i chiarimenti che il giudice gli richiede a norma degli artt. 194 ss. e degli artt. 441 e 463”.

 


Poichè le materie, a cui può essere chiamato un CTU, sono complesse ed eterogenee il legislatore ha previsto, all’art. 13 (Albo dei consulenti tecnici) delle Disposizioni di Attuazione del CPC, che debbano essere sempre comprese nell’albo (dei CTU presso il Tribunale) le categorie:

1. medico-­chirurgica

2. industriale


3. commerciale


4. agricola


5. bancaria

6. assicurativa

 

DURATA:

Ore 40.

 

PROGRAMMA DEL CORSO:

LA CONSULENZA TECNICA

- Il mercato della consulenza in Italia e la figura del consulente;

- Le  qualità di un buon consulente;

- Nozione di consulenza tecnica con particolare riferimento alle controversie giudiziarie;

- La redazione della consulenza tecnica d’ufficio;

- Differenza tra consulenza tecnica e progettazione.

 

LA  CONSULENZA TECNICA D’UFFICIO

- Definizione;

- I compiti ed i requisiti del CTU;

- Nomina astensione, ricusazione e sostituzione del CTU;

- L’udienza di comparizione del CTU;

- Iscrizione all’albo dei consulenti tecnici;

- Privacy per il CTU e periti.

 

LE  OPERAZIONI DI CONSULENZA

- L’inizio delle operazioni e la tutela del principio di contradditorio;

- Lo svolgimento delle operazioni di sopralluogo e delle indagini presso i pubblici uffici;

- Rilievi delle parti nel corso delle operazioni ed eventuale rinvio innanzi al giudice istruttore;

- Redazione del processo verbale di sopralluogo;

- Rapporti tra il CTU e il GI;

- Rapporti tra il CTU ed i CTP.

 

I  COMPENSI SPETTANTI AL CONSULENTE TECNICO D’UFFICIO

- Disposizioni generali;

- Disposizioni particolari;

- Chiarimenti del Ministero di Grazia e Giustizia sulla nuova tariffa giudiziaria;

- Redazione della parcella onorario e spese.

 

LE CAUSE DI NULLITA’ DELLA RELAZIONE DEL CONSULENTE TECNICO D’UFFICIO

- I casi di nullità;

- Risoluzione delle questioni e intervento del giudice;

- Valutazione della CTU da parte del giudice;

- Responsabilità del CTU e relative sanzioni;

- Ipotesi di responsabilità.

 

ALTRE FORME DI CONSULENZE TECNICHE D’UFFICIO

- L’accertamento tecnico preventivo.

 

LA CONSULENZA TECNICA DI PARTE

- Introduzione;

- Il consulente tecnico di parte.

 

LA PERIZIA STRAGIUDIZIALE

- Introduzione;

- L’attività del perito;

- Il verbale di giuramento.

 

IL CONSULENTE TECNICO NEL PROCESSO FALLIMENTARE E ASTA GIUDIZIARIA

- Generalità;

- Compensi;

- L’Asta giudiziaria.

 

L’ARBITRATO, LA MEDIAZIONE E LA CONCILIAZIONE

- Generalità.

 

LA PERIZIA E LA CONSULENZA TECNICA NEL PROCESSO PENALE

- Generalità.

 

ATTESTATO FINALE:

Superati i test intermedi ed un test finale verrà rilasciato da Accademia Eraclitea un ATTESTATO DI PROFITTO di "Esperto consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.)".

 

Il corso di formazione ed il conseguimento dell'attestato citato consentirà agli interessati di poter sostenere un esame on line con l'Organismo di certificazione CertyLink, ai sensi della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012, per l'ottenimento della certificazione qualificante di "Esperto consulente tecnico d'ufficio (C.T.U.)", del tesserino ed inoltre il Vostro nominativo verrà inserito nel registro dei Professionisti Certificati.

 

VANTAGGI DI STUDIARE CON I NOSTRI CORSI FAD:

- Risparmio di tempo e di costi per spostamenti;
- Libertà di orario, non ci sono lezioni in video-conferenza in orari prefissati;
- Piattaforma completa di tutti gli strumenti didattici che la moderna tecnologia mette a disposizione;
- Estrema semplicità di utilizzo;
- Costante assistenza e interazione con il Tutor.

 

STRUMENTI DIDATTICI DELL'AULA VIRTUALE

 

PIATTAFORMA E-LEARNING

Piattaforma e-learning moodle certificata scorm.

CORSI IN VIDEO-CONFERENZA

Lezioni in live stream erogate in orari prestabiliti.

VIDEO-LEZIONI

Video-lezioni di alta qualità registrate da docenti certificati e visibili h24.

ALTRO MATERIALE DIDATTICO

Materiale didattico in pdf e power point visualizzabile su pc o su qualunque dispositivo mobile.

TEST INTERMEDI E FINALI

Test intermedi e finali per la verifica dell'apprendimento e per il successivo rilascio dell'attestato finale.

ASSISTENZA SKYPE

Supporto e assitenza skype, su prenotazione, da lunedì a venerdì per risolvere problemi tecnici o amministrativi.

 

 

 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

Esperto patrocinatore stragiudiziale

 

ESPERTO DI INFORTUNISTICA/PATROCINATORE STRAGIUDIZIALE

 

(corso qualificato dall'Organismo di certificazione CertyLink ai sensi della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012)

 

Il corso è disponibile in modalità FAD "Formazione a distanza".

 

Superate le valutazioni intermedie ed un test finale verrà rilasciato da Accademia Eraclitea un ATTESTATO DI PROFITTO di "Esperto patrocinatore stragiudiziale".

 

Il corso di formazione ed il conseguimento dell'attestato citato consentirà agli interessati di  poter sostenere un esame on line con l'Organismo di certificazione CertyLink, ai sensi della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012, per l'ottenimento della certificazione qualificante di "ESPERTO PATROCINATORE STRAGIUDIZIALE e del tesserino di riconoscimento inoltre il nominativo verrà inserito nel registro dei Professionisti Certificati.

 

OBIETTIVI DEL CORSO:

Formare la figura professionale del patrocinatore stragiudiziale, professionista che si pone tra il privato, che è stato vittima di un sinistro stradale e la Compagnia di assicurazione in modo da riuscire ad ottenere per conto del cliente un giusto risarcimento in tempi brevi.

 

La figura del patrocinatore stragiudiziale è prevista dalla Norma UNI 11477:2013.

 

IL PATROCINATORE STRAGIUDIZIALE DEVE:

Conoscere le normative e le regole del mondo del risarcimento del danno;

 

Saper leggere le dinamiche di un evento lesivo per poter valutare le responsabilità dei soggetti coinvolti ed individuare il soggetto obbligato al risarcimento del danno;

 

Sapere a quali voci di danno ha diritto il danneggiato e sapere quantificare correttamente anche attraverso l'ausilio di soggetti terzi con specifiche competenze (medico legale, periti, ricostruttori cinematici, ecc.) e qualora sorga un dubbio su un elaborato tecnico adoperarsi in un confronto con il professionista al fine di ridurre al minimo errori e/o omissioni;

 

Fornire al cliente tutte le istruzioni necessarie per la creazione di tutti i documenti indispensabili per una corretta dimostrazione e quantificazione dei danni subiti;

 

Valutare la documentazione (nella sua completezza e congruità) a supporto delle pretese risarcitorie;

 

Saper condurre trattative con i liquidatori delle compagnie assicurative e in genere con le relative controparti;

 

Saper tradurre con una terminologia semplice e comprensibile, al cliente verosimilmente non competente in materia di risarcimento del danno, la propria operatività e l'evolversi della vertenza.

 

DURATA DEL CORSO:

Ore 40.

 

PROGRAMMA DEL CORSO:

- Elementi di diritto civile con particolare riferimento agli articoli da 2043 a 2059  del codice civile;

- Decreto 27 giugno 2003, n.151 (Nuovo codice della strada), e relative norme di attuazione e successive modifiche;

- Elementi di procedura civile;

- Elementi di diritto e procedura penale;

- Legge n. 990 del 24 dicembre 1969 e s.m.i.;

- D.lgs. 7 settembre 2005 n. 209 (Codice delle Assicurazioni Private);

- D.P.R. 18 luglio 2006 n.254;

- Privacy - D.lgs. 196/03 e s.m.i.;

- La mediazione obbligatoria nell'infortunistica stradale;

- Le lesioni, il nesso di causa, le preesistenze;

- Il risarcimento del danno biologico da inabilità temporanea ed invalidità permanente, danno alla specifica attività lavorativa, perdita di chance, danno estetico, danno esistenziale, danno biologico, ecc.;

- Assistenza nelle trattative con privati e Compagnie di Assicurazione (con esclusione di ogni attività riservata agli esercenti la professione forense - sanitaria ed altre comunque regolate da leggi sugli ordinamenti professionali);

- Conoscenze tecniche e normative legate all'ambito dei veicoli e degli eventi circolatori;

- Consulenza tecnica nell'ambito degli eventi riconducibili alla circolazione stradale;

- Tecnica dei mezzi di trasporto terrestri e dei natanti soggetti alla disciplina della legge sull'assicurazione obbligatoria.

 

ATTESTATO FINALE:

Superati i test intermedi ed un test finale verrà rilasciato da Accademia Eraclitea un ATTESTATO DI PROFITTO di "Esperto patrocinatore stragiudiziale".

 

Il corso di formazione ed il conseguimento dell'attestato citato consentirà agli interessati di poter sostenere un esame on line con l'Organismo di certificazione CertyLink, ai sensi della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012, per l'ottenimento della certificazione qualificante di "Esperto patrocinatore stragiudiziale", del tesserino ed inoltre il Vostro nominativo verrà inserito nel registro dei Professionisti Certificati.

 

VANTAGGI DI STUDIARE CON I NOSTRI CORSI FAD "Formazione a distanza":

- Risparmio di tempo e di costi per spostamenti;

- Libertà di orario, non ci sono lezioni in video-conferenza in orari prefissati;

- Piattaforma completa di tutti gli strumenti didattici che la moderna tecnologia mette a disposizione;

- Estrema semplicità di utilizzo;

- Costante assistenza e interazione con il Tutor.

 

STRUMENTI DIDATTICI DELL'AULA VIRTUALE

 

PIATTAFORMA E-LEARNING

Piattaforma e-learning moodle certificata scorm.

CORSI IN VIDEO-CONFERENZA

Lezioni in live stream erogate in orari prestabiliti.

VIDEO-LEZIONI

Video-lezioni di alta qualità registrate da docenti certificati e visibili h24.

ALTRO MATERIALE DIDATTICO

Materiale didattico in pdf e power point visualizzabile su pc o su qualunque dispositivo mobile.

TEST INTERMEDI E FINALI

Test intermedi e finali per la verifica dell'apprendimento e per il successivo rilascio dell'attestato finale.

ASSISTENZA SKYPE

Supporto e assitenza skype, su prenotazione, da lunedì a venerdì per risolvere problemi tecnici o amministrativi.

 

 


 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

Corso Normativa Antiriciclaggio - D.lgs. 231/07 - (ore 8)

Il corso fornisce al discente conoscenze che riguardano le disposizioni di Legge sull’Antiriciclaggio ed è aggiornato alla normativa di recepimento della terza direttiva antiriciclaggio e successivi adempimenti.

 

DESTINATARI

Corso è rivolto ad Operatori bancari, Promotori Finanziari, Notai, Avvocati, Commercialisti, Consulenti del lavoro, Revisori contabili, società di recupero crediti per conto terzi, di custodia e trasporto di denaro contante, agenzie di mediazione immobiliare, commercio di cose antiche, commercio di oro, gestione casa da gioco, agenzie in attività finanziarie, dipendenti e/o intermediari di banche e poste italiane.

 

Il corso (obbligatorio ai sensi del D.Lgs. 231 del 2007) fornisce i principi generali della legge sulla legge di attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo nonché della direttiva 2006/70/CE che ne reca misure di esecuzione.

 

In Italia il recepimento della Direttiva 2005/60/CE è avvenuto tramite il D.Lgs. n. 109 del 22 giugno 2007, “Misure per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento del terrorismo e l’attività dei Paesi che minacciano la pace e la sicurezza internazionale” e il D.Lgs. n. 231/2007 “Disposizioni per prevenire l’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo”.

 

MODULO 1 - IL FENOMENO RICICLAGGIO: PREMESSA - PRINCIPI - VIGILANZA - SOGGETTI DESTINATARI

  • Denaro sporco e Riciclaggio
  • Il Riciclaggio: fenomeno internazionale e finalità
  • Alcune importanti definizioni
  • Il principio generale
  • Fattori internazionali del Riciclaggio
  • Il GAFI
  • Le Direttive CEE (“III Dir Antiriciclaggio”)
  • Principi ed iniziative Italiani
  • Le Autorità di controllo, vigilanza ed ispezione
  • Amministrazioni interessate, ordini professionali e Forze di polizia
  • Destinatari
  • Intermediari finanziari ed altri soggetti
  • Professionisti e Revisori contabili

 

MODULO 2 - OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

  • Introduzione
  • Adeguata verifica della clientela da parte di: intermediari finanziari ed altri soggetti
  • Adeguata verifica della clientela da parte dei professionisti e dei revisori contabili
  • Contenuto degli obblighi di adeguata verifica della clientela
  • Modalità di adempimento degli obblighi Obblighi del cliente
  • La modalità di verifica
  • L'identificazione del cliente
  • La responsabilità del cliente
  • Obbligo di astensione
  • Obblighi semplificati
  • Obblighi rafforzati
  • Modalità di esecuzione degli obblighi di adeguata verifica della clientela da parte di terzi

 

MODULO 3 - OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE

  • Premessa
  • Obblighi di registrazione
  • Obbligo di conservazione
  • Operazioni frazionate
  • Operazioni collegate
  • Archivio unico informatico
  • Modalità di registrazione per i professionisti
  • Modalità di registrazione per i revisori contabili
  • Modalità di registrazione per gli altri soggetti
  • L'aggregazione dei dati

 

MODULO 4 - OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE

  • Premessa
  • L’obbligo di segnalazione
  • L’operazione sospetta
  • I parametri oggettivi e soggettiv
  • Segnalazione di operazioni sospette
  • L’iter della segnalazione
  • Schema
  • Il Responsabile Antiriciclaggio
  • La riservatezza della segnalazione
  • UIF o Questore?
  • Modalità di segnalazione
  • Divieto di comunicazione
  • Analisi della segnalazione
  • Il “Feedback” della segnalazione
  • Esempio di segnalazione tramite la Banca d'Italia

 

MODULO 5 - MISURE ULTERIORI - LIMITAZIONE USO CONTANTE

  • Limitazioni all'uso del contante
  • Limitazioni all'uso dei titoli al portatore
  • Divieto di conti e libretti di risparmio anonimi o con intestazione fittizia
  • Obbligo di comunicazione al Ministero dell'economia e delle finanze delle infrazioni
  • Sanzioni

 

MODULO 6 - LA CONOSCENZA DEL CLIENTE ED INDICI DI ANOMALIA

  • Il rischio della frode
  • Il motto di Fisher
  • Il profilo soggettivo
  • Le informazioni utili
  • Le fonti interne
  • Le fonti esterne
  • Indici di Anomalia”
  • Il Decalogo ter
  • Le categorie di indici
  • Le categorie di indici: alcuni casi
  • Gli indici di anomalia: strumento d’ausilio

 

MODULO 7 - AUTORITA' - VIGILANZA E CONTROLLI

  • L'Assetto organizzativo
  • Premessa
  • Le procedure interne
  • Organi di controllo
  • Controlli
  • I controlli interni
  • L'internal auditing
  • Formazione del personale

 

 

ATTESTAZIONE: Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza

 

SEDE DEL CORSO: Catania oppure on line

 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

Corso D.lgs. 231/01 Ruoli e responsabilità (ore 4)

Il D.lgs. n. 231/01 introduce nel nostro ordinamento la responsabilità “amministrativa” delle società e delle associazioni per reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio da persone che hanno funzioni di amministrazione o di direzione nonché da persone che ne esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo.

 

L’azienda è anche responsabile se i reati sono commessi da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di questi soggetti.

 

La recente giurisprudenza stabilisce inoltre che alcuni dei reati previsti dal D.Lgs. 231/2001 possono avere origine anche da comportamenti colposi caratterizzati da negligenza, imprudenza, imperizia oppure inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline.

 

La responsabilità dell’ente è sempre presunta, salvo provi di aver adottato un modello organizzativo e gestionale idoneo a prevenire il reato commesso e ne abbia vigilato sull’efficace attuazione.

 

Una specifica formazione delle persone che hanno funzioni di direzione e delle persone sottoposte alla loro vigilanza è una delle condizioni essenziali per un’efficace attuazione di questi modelli.

 

Il corso di formazione “Il D.Lgs. 231/2001: ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti” ho proprio l’obiettivo di rispondere a questa necessità: illustra i principi base della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche presentando i ruoli e le responsabilità di tutti i soggetti coinvolti nella gestione della prevenzione dei reati previsti dal D.Lgs. 231/2001. Destinatari sono quindi i datori di lavoro, gli amministratori, i dirigenti ma anche tutti i collaboratori aziendali, interni ed esterni.

 

Il corso analizza il D. Lgs. 231/2001 e i principali riferimenti normativi collegati, definisce il concetto di responsabilità amministrativa degli enti e di interesse e vantaggio, illustra l’ambito di applicazione del decreto, i soggetti e gli enti interessati, i reati e le sanzioni pecuniarie e interdittive previste.

 

È inoltre fornito un quadro delle responsabilità dell’ente, dei soggetti apicali e di quelle dei soggetti sottoposti alla loro vigilanza, con riferimenti al codice etico e al sistema disciplinare. Presenta i modelli di organizzazione e gestione e i relativi principi di vigilanza, controllo e attuazione, comprendendo anche accenni ai modelli di gestione per la tutela della sicurezza sul lavoro.

 

Programma del corso:

- Il D. Lgs. 231/2001 e i principi normativi
- La responsabilità amministrativa delle società ed enti
- L’ambito di applicazione
- L’interesse e il vantaggio
- I soggetti e gli enti interessati
- I reati
- Le sanzioni pecuniarie e interdittive
- Le responsabilità dell’ente
- Le responsabilità dei soggetti apicali e dei sottoposti alla vigilanza
- I modelli di organizzazione e gestione
- La vigilanza e il controllo dell’attuazione del modello di organizzazione e gestione
- L’Organismo di vigilanza e controllo
- I modelli di gestione per la tutela della sicurezza sul lavoro
- L’integrazione tra i modelli di gestione
- Il codice etico e il sistema disciplinare
 
Alla fine del corso verranno effettuati due Test di verifica dell'apprendimento:

• Test di verifica con domande a risposta multipla
 
 
ATTESTAZIONE: Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza
 
 
SEDE DEL CORSO: Catania oppure on line

 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

Corso privacy (ore 4)

Il corso è orientato sia ai Responsabili del Trattamento dei dati personali, sia agli Incaricati del Trattamento e fornisce una panoramica completa sui principali adempimenti ed i rischi connessi al trattamento dei dati.

 

Il decreto legislativo 196/2003 impone che tutti coloro che trattano dati personali siano designati incaricati del trattamento, ricevano una designazione scritta e, oltre a ricevere specifiche istruzioni di trattamento, partecipino ad una programma di formazione.

 

Il corso ha l’obiettivo di:

1. Fornire un quadro normativo completo sul D.Lgs. 196/03 e sue successive integrazioni

2. Spiegare le principali definizioni della norma

3. Consentire l’individuazione di tutti i soggetti che sono interessati dalla normativa di riferimento

4. Identificare gli adempimenti rispetto ai quali ciascun titolare si deve conformare

5. Illustrare i principali rischi connessi alla gestione dei dati ed identificare le misure di sicurezza da adottare nel trattamento dei dati personali

 
 
PROGRAMMA
 
- Il decreto legislativo 196/2003 in materia di protezione dati personali
- Principali disposizioni di legge
- Il ruolo dell'incaricato nel contesto del trattamento di dati personali
- Obblighi, responsabilità e doveri
- La custodia sicura dei dati personali, su supporto cartaceo ed informatizzato
- Come gestire richieste di accesso ai dati personali, da parte di interessati
- Le ispezioni promosse dal Garante: modalità di comportamento
 
 
 
SEDE DEL CORSO: Catania oppure on line
 
 
 
ATTESTAZIONE: Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza.
 

 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

Corsi di aggiornamento biennali obbligatori per intermediari assicurativi e riassicurativi, dipendenti interni e collaboratori esterni - ore 60

Corsi di aggiornamento biennali obbligatori per intermediari assicurativi e riassicurativi, dipendenti interni e collaboratori esterni - ore 60 ai sensi del Provvedimento IVASS del 2 dicembre 2014 "Regolamento concernente la disciplina dei requisiti professionali degli intermediari assicurativi e riassicurativi in attuazione dell'art. 22, comma 9, del decreto‐legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito nella legge 17 dicembre 2012, n. 221".

 

Il regolamento disciplina gli standard organizzativi, tecnologici e professionali riguardanti la formazione e l'aggiornamento dei soggetti di cui all'art. 4, commi 1 e 2, con riferimento ai prodotti formativi, ai requisiti dei soggetti formatori e alle caratteristiche tecniche e funzionali delle piattaforme di e‐learning e delle altre modalità di formazione a distanza equivalenti all'aula. Inoltre, il regolamento ha la finalità di favorire il rafforzamento dei requisiti professionali dei soggetti tenuti all'obbligo di formazione e aggiornamento, a garanzia della piena ed effettiva osservanza da parte degli stessi delle regole di comportamento nei confronti dei contraenti e degli assicurati Ai sensi del D.L. 209/2005 "Codice delle Assicurazioni" e degli artt. 17, 21 e 42 del Regolamento ISVAP n. 5 del 16.10.2006.

 

Sono tenuti all'obbligo di formazione:

a) addetti all'attività di intermediazione al di fuori deilocali dell'intermediario per il quale operano, ai finidell'iscrizione nelle sezioni C o E del RUI;

b) addetti all'attività di intermediazione all'interno deilocali in cui l'intermediario opera, prima di intraprendere l'attività;

c) gli addetti dei call center degli intermediari che se neavvalgono, prima di intraprendere l'attività;

d) le persone fisiche iscritte nelle sezioni A o B del RUI.

 

L'aggiornamento professionale è finalizzato all'approfondimentoe all'accrescimento delle conoscenze, competenze e capacità professionali, avuto riguardo anche alla tipologia di prodottiintermediati, all'evoluzione della normativa di riferimento ed alle prospettive di sviluppo futuro dell'attività e deve essere svolto con cadenza biennale, a partire dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di iscrizione al RUI o, per gli addetti operanti all'interno dei locali dell'intermediario nonchè per gli addetti ai call center, da quello di inizio dell'attività. In ogni caso, l'aggiornamento è effettuato in occasione dell'evoluzione della normativa di riferimento e, per quanto riguardala rete distributiva diretta, in occasione dell'immissione in commercio di nuovi prodotti da distribuire.

 

PROGRAMMA DIDATTICO:

Area giuridica:

Moduli: Impresa di assicurazione e riassicurazione ‐ condizioni diaccesso e di esercizio Regime di operatività dell'impresa (stabilimento e liberaprestazione di servizi) Intermediazione assicurativa e riassicurativa ‐ condizioni diaccesso e di esercizio Regole generali di comportamento degli intermediari Contratto di assicurazione e di riassicurazione Tutela del consumatore e Codice del consumo Antiriciclaggio e contrasto al finanziamento del terrorismo Principi generali sul sistema finanziario esull'intermediazione del credito.

 

Area tecnica assicurativa e riassicurativa:

Moduli: Classificazione per rami di attività Principali tipologie di coperture assicurative Principali tipologie di coperture riassicurative Elementi tariffari Elementi di tecniche di analisi dei rischi Trattamento fiscale dei vari tipi di polizze vita epensionistiche.

 

Area amministrativa e gestionale:

Moduli: Ciclo operativo ed economico delle imprese di assicurazione eriassicurazione Elementi di contabilità Procedure e modalità assuntive e distributive adottatedall'impresa/e con cui l'intermediario opera Programmazione, analisi e controllo di gestione dell'intermediario assicurativo Gestione dei sinistri Gestione dei rapporti con il cliente Marketing e tecniche di comunicazione.

 

Area informatica:

Moduli: Strumenti di Office Automation Navigazione web e utilizzo di internet Applicazioni/procedure e altre tecnoogie predispostedall'impresa/e con cui l'intermediario opera.

 

Durata del corso:

L'aggiornamento professionale deve avere la durata complessiva a 60 ore nel biennio (in ciascun anno solare bisogna effettuare almeno un minimo di 15 ore di aggiornamento).

 

I nostri corsi sono stati appositamente progettati per il raggiungimento delle 60 ore obbligatorie previste per il biennio come segue:

Corso di n. 15 ore da tenersi in aula o con modalità equivalenti

Corso di n. 30 ore da tenersi in aula o con modalità equivalenti

Corso di n. 45 ore da tenersi in aula o con modalità equivalenti

 

Modalità per il rilascio dell'attestato valido ai fini della certificazione degli requisiti formativi:

Il corso è conforme ai criteri previsti dal provvedimento IVASS del 12 dicembre 2014 pubblicato nella gazzetta ufficale n.285 del 9 dicembre 2014.

 

Il superamento del test finale di verifica permetterà di ottenere l'attestato comprovante il conseguimento della formazione professionale prevista nei citati articoli del Regolamento.

 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

Corso obbligatorio di base per intermediari assicurativi e riassicurativi, dipendenti interni e collaboratori esterni - ore 60

Corso obbligatorio di base per intermediari assicurativi e riassicurativi, dipendenti interni e collaboratori esterni - ore 60 ai sensi del Provvedimento IVASS del 2 dicembre 2014 "Regolamento concernente la disciplina dei requisiti professionali degli intermediari assicurativi e riassicurativi in attuazione dell'art. 22, comma 9, del decreto‐legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito nella legge 17 dicembre 2012, n. 221".

 

Il regolamento disciplina gli standard organizzativi, tecnologici e professionali riguardanti la formazione e l'aggiornamento dei soggetti di cui all'art. 4, commi 1 e 2, con riferimento ai prodotti formativi, ai requisiti dei soggetti formatori e alle caratteristiche tecniche e funzionali delle piattaforme di e‐learning e delle altre modalità di formazione a distanza equivalenti all'aula. Inoltre, il regolamento ha la finalità di favorire il rafforzamento dei requisiti professionali dei soggetti tenuti all'obbligo di formazione e aggiornamento, a garanzia della piena ed effettiva osservanza da parte degli stessi delle regole di comportamento nei confronti dei contraenti e degli assicurati Ai sensi del D.L. 209/2005 "Codice delle Assicurazioni" e degli artt. 17, 21 e 42 del Regolamento ISVAP n. 5 del 16.10.2006.

 

Sono tenuti all'obbligo di formazione:

a) addetti all'attività di intermediazione al di fuori deilocali dell'intermediario per il quale operano, ai finidell'iscrizione nelle sezioni C o E del RUI;

b) addetti all'attività di intermediazione all'interno deilocali in cui l'intermediario opera, prima di intraprenderel'attività;

c) gli addetti dei call center degli intermediari che se neavvalgono, prima di intraprendere l'attività;
 
La formazione consiste nella partecipazione, nei 12 mesi antecedenti alla data di presentazione della domanda diiscrizione o dell'inizio dell'attività, a corsi di durata non inferiore a 60 ore, svolti in aula o con le modalità equivalenti.

 

PROGRAMMA DIDATTICO:

Area giuridica:

Moduli: Impresa di assicurazione e riassicurazione ‐ condizioni diaccesso e di esercizio Regime di operatività dell'impresa (stabilimento e liberaprestazione di servizi) Intermediazione assicurativa e riassicurativa ‐ condizioni diaccesso e di esercizio Regole generali di comportamento degli intermediari Contratto di assicurazione e di riassicurazione Tutela del consumatore e Codice del consumo Antiriciclaggio e contrasto al finanziamento del terrorismo Principi generali sul sistema finanziario esull'intermediazione del credito.

 

Area tecnica assicurativa e riassicurativa:

Moduli: Classificazione per rami di attività Principali tipologie di coperture assicurative Principali tipologie di coperture riassicurative Elementi tariffari Elementi di tecniche di analisi dei rischi Trattamento fiscale dei vari tipi di polizze vita epensionistiche.

 

Area amministrativa e gestionale:

Moduli: Ciclo operativo ed economico delle imprese di assicurazione eriassicurazione Elementi di contabilità Procedure e modalità assuntive e distributive adottate dall'impresa/e con cui l'intermediario opera Programmazione, analisi e controllo di gestionedell'intermediario assicurativo Gestione dei sinistri Gestione dei rapporti con il cliente Marketing e tecniche di comunicazione.

 

Area informatica:

Moduli: Strumenti di Office Automation Navigazione web e utilizzo di internet Applicazioni/procedure e altre tecnoogie predispostedall'impresa/e con cui l'intermediario opera.

 

Durata del corso:

Il corso ha una durata di 60 ore.

 

Modalità per il rilascio dell'attestato valido ai fini della certificazione degli requisiti formativi:

Il corso è conforme ai criteri previsti dal provvedimento IVASS del 12 dicembre 2014 pubblicato nella gazzetta ufficale n.285 del 9 dicembre 2014.

 

Il superamento del test finale di verifica permetterà di ottenere l'attestato comprovante il conseguimento della formazione professionale prevista nei citati articoli del Regolamento.

 

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

























Copyright © Accademia Eraclitea P. IVA 04255790877 - Contatta il Webmaster